Uno sproloquio riassumibile con: IO SONO L’AEREO

Poche cose stimolano la mia creatività come i viaggi in aereo e, allo stesso tempo, poche cose mi terrorizzano come i viaggi in aereo.

No, non è vero, “poche cose” un cazzo, io ho paura di tutto.

È vero, però, che prendere l’aereo mi regala quel miscuglio di emozioni contrastanti del tipo “Ah adesso scrivo il capolavoro letterario del quinquennio” (notiamo prego la modestia anche nei momenti di più intensa megalomania) e “Ah adesso moriamo tutti”.

Prendere l’aereo relativamente spesso (diciamo, in media, una volta al mese) ha consentito alla mia mente di partorire affreschi di metafore che ora sono di uso corrente (nella mia famiglia, si intende). Sto pensando alla frase “IO SONO L’AEREO” che ho scritto in questo delicato (insomma) capolavoro (insomma/2) per descrivere il mio atteggiamento quando sono, appunto, su un aereo, frase che è stata definita da una persona assolutamente imparziale (mio fratello) come: “Cioè, hai presente quando leggi un libro e l’autore è riuscito a descrivere perfettamente quello che tu hai provato diecimila volte senza però essere stato in grado di definirlo prima? Ecco, IO SONO L’AEREO mi ha fatto provare la stessa emozione”.

(IO SONO L’AEREO: io quando sono su un aereo, di base, non leggo, non dormo, non guardo film, non discorro amabilmente – cioè, sì, lo faccio, ma non in modo continuativo, perché ogni tot devo tornare alla mia occupazione principale di quando mi trovo a bordo di un aereo ossia ESSERE L’AEREO: fissare lo spazio davanti a me con concentrazione mentre registro ogni sobbalzo della vettura, ogni rumore, ogni variazione di pressione così che quando ci sarà il primo accenno di turbolenza io SAPRÒ prima dei miei compagni di viaggio e, a differenza loro, arriverò già preparata all’occasione senza dover sobbalzare e dire “Oh!”. Perché io lo so già. Perché io SONO L’AEREO)

Essere l’aereo è un’attività molto impegnativa, perché va coniugata con la mia prima Regola Di Vita: MAI DARE FASTIDIO AGLI ALTRI. Dunque io all’apparenza dovrò mostrarmi tranquilla e normale (converrete con me su quanto ciò sia difficile, specialmente il secondo punto) per non far preoccupare gli altri passeggeri e il personale di volo che potranno così continuare indisturbati le loro esistenze mentre io SONO L’AEREO.

Ma passiamo all’argomento principale di questo post, post che sta allegramente  quanto caparbiamente deragliando dai binari del senso e della dignità, e facciamolo in modo sintetico:

Sabato scorso ho preso l’aereo. Ero seduta nella fila numero nove. Seduto di fianco a me c’era il prode TBSw e, posizionati qualche fila davanti alla nostra, Marta e Charlie (Marlie).

Stavamo allegramente (INSOMMA) sfrecciando nell’aere da una mezzora quando ho notato una lieve agitazione tra il personale di volo. Essendo io L’AEREO, ho diretto la mia attenzione verso il Problema senza però riuscire a capire immediatamente cosa stesse succedendo. Dopo un lunghissimo periodo di tempo (mezzo minuto) una hostess ha annunciato a tutti i passeggeri (cito testualmente):

Vorremmo chiedere gentilmente ai passeggeri che hanno messo i bagagli nelle prime file di controllare le loro valigie, perché temiamo che si sia rotta qualche boccetta e ci sia una perdita. Vi preghiamo di controllare perché l’odore è veramente forte (quest’ultima frase l’ha detta con un’espressione preoccupata) (per amore di verismo aggiungerò che una sua collega, da dietro, ha aggiunto “Credo si tratti di uno spray nasale o di un olio essenziale”).

Come potrete facilmente immaginare SI È SCATENATO IL PANICO.

Il panico, ho però scoperto dopo, si è scatenato solo nella mia mente: i miei compagni di viaggio non hanno mostrato la minima preoccupazione all’idea di CREPARE AVVELENATI A BORDO DI UN AEREO SENZA VIE DI USCITA e hanno continuato a inspirare aria (che stava diventando lentamente ma inesorabilmente pregna di un forte odore alla menta) e a parlare tranquillamente tra loro: un comportamento INACCETTABILE e IRRESPONSABILE ai limiti del ridicolo.

Io ho agito come qualunque persona dotata di buon senso avrebbe fatto: sciarpa arrotolata intorno al collo, naso e bocca nella sciarpa, sguardi furtivi rivolti agli altri passeggeri per capire chi avrebbe iniziato a stare male per primo, altri sguardi furtivi rivolti a passeggeri e personale di volo che frugavano tra le borse, ulteriori sguardi furtivi al finestrino per capire se stessimo perdendo quota (chi lo sa, i fumi del pericoloso olio essenziale potevano avere raggiunto i piloti, E CHI STAVA PENSANDO A QUESTA EVENTUALITÀ? Nessuno, se non L’AEREO. Cioè io).

Nel frattempo TBSw mi guardava come si guardano gli scemi e ogni tanto mi diceva “Ma guarda che l’odore non si sente neanche”.

BAGGIANATE. Io ho continuato a sentire un forte odore di menta per almeno venti minuti.

Poi vabbè, forse si trattava anche del chewing gum che stavo masticando.

Ad ogni modo: sono sopravvissuta. L’odore di menta non era dovuto a un attacco chimico, bensì a uno spray nasale, o olio essenziale (mica ce l’hanno detto se l’hanno trovato alla fine! INACCETTABILE. L’aereo intero, cioè io, era in ansia, e certe cose vanno dette), o forse anche al chewing gum che stavo masticando.

Vorrei dirvi anche un’altra cosa a tema aereo ma ve la dico la prossima volta perché ho scritto troppo.

CIAO.

Annunci

7 pensieri su “Uno sproloquio riassumibile con: IO SONO L’AEREO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...