Scusate in anticipo

Poche cose nella vita mi fanno pensare “CHE PALLE” con la velocità e intensità che caratterizzano i “CHE PALLE” che sfrecciano nella mia mente quando qualcuno decide di raccontarmi i sogni che ha fatto la notte prima.

Ascoltare i sogni degli altri è, quasi sempre, molto noioso.

Raccontare i propri sogni è, d’altro canto, molto divertente, perciò scusatemi ma devo necessariamente propinarvi

Un racconto abbastanza dettagliato dei sogni che ho fatto nell’ultimo periodo

Sottotitolo: CHE PALLE

  • Mood: un misto tra Il Signore degli Anelli e Game of Thrones (del quale non so praticamente nulla, quindi in realtà è più come mi immagino Game of Thrones: armature, mantelli lunghi, torri scarsamente illuminate, paesaggi innevati e draghi che svolazzano in giro). Io sono un potentissimo stregone al servizio del bene che deve sconfiggere un altro potentissimo stregone (il quale è, chiaramente, profondamente malvagio). Decido di seguire il mio nemico e, per non farmi notare, mi trasformo in vento. La trasformazione in vento richiede molta concentrazione e consiste nel 1) Camminare a saltelli, 2) Agitare le mani in modo scomposto mentre si urla SONO UN ALITO DI VENTO SONO UN ALITO DI VENTO 3) Mantenere lo sguardo fisso sul nemico. Dopo qualche tempo il mio avversario, probabilmente captando la mia presenza, si trasforma in una vespa (altra creatura intrinsecamente malvagia) e vola via. E qui allora ecco il mio COLPO DI GENIO: decido a mia volta di prendere le sembianze di una creatura adatta a confrontare lo stregone/vespa e mi trasformo in un minacciosissimo MOSCERINO. La metamorfosi in moscerino richiede un processo meno impegnativo di quella per diventare vento,  perché infatti consiste nel ripetere a voce bassa e sommessa SONO UN MOSCERINO SONO UN MOSCERINO. In veste di moscerino tallono lo stregone/vespa per un periodo di tempo abbastanza lungo, fino a quando, non so come, il mio nemico capisce che sono proprio dietro di lui. A questo punto i miei ricordi si fanno confusi (forse TBS mi ha sentito urlare “SONO UN ALITO DI VENTOOOO” nel sonno e mi ha tirato una gomitata), fatto sta che il sogno si conclude nella cucina di mia mamma con lo stregone malvagio che, seduto al posto più scomodo del tavolo, mi guarda incredulo mentre mi infilo la federa di un cuscino in bocca urlando NON MI AVRAAAAAAAAAAAAAAAAI.
  • Non preoccupatevi: i prossimi sogni saranno decisamente più brevi di quello che ho appena raccontato, questo perché, purtroppo, non li ho raccontati nel dettaglio a nessuno e li ho dimenticati quasi del tutto. Sì, lo so, dispiace molto anche a me.
  • Nel secondo sogno venivo obbligata a fare il giudice in una gara importantissima di judo a causa della mia, come gli organizzatori continuavano a ripetere, “Grandissima esperienza in materia”. Ora fornisco un po’ di contesto per chi non conoscesse i miei trascorsi con lo sport in generale e con il judo in particolare: 1) A me lo sport fa schifo; 2) Quando ero alle elementari i miei genitori hanno bonariamente provato a farmi fare quasi tutti gli sport esistenti al mondo e io ho sempre reagito con “Non fa per me” (questo perché: vedi punto 1); 3) La mia grandissima esperienza in materia di judo consiste in tre lezioni fatte a nove anni (dopo le quali ho detto che, appunto, judo non faceva per me, in quanto: vedi punto 1). Per fornire ancora più contesto vi dirò che mio fratello e mio cugino Nick, che avevano iniziato a fare judo qualche mese prima di me, sono arrivati fino alla cintura nera (o era marrone? Boh, scusate, il judo non fa per me). Mia mamma, che aveva iniziato a fare judo insieme a me nel commovente tentativo di convincermi, è arrivata alla cintura gialla (o era arancione?). MA NON DIVAGHIAMO E TORNIAMO A NOI: alla fine riuscivo a non esercitare i miei doveri di giudice mettendomi a urlare “IO NON VOGLIO FARE NIENTE” e, di conseguenza, svegliandomi.
  • L’ultimo sogno che narrerò oggi mi ha fatto svegliare alle tre di notte pensando “GENIO” e “Questa è la trama perfetta per un romanzo fantasy/thriller/denuncia sociale”. Bene: non ricordo nulla, tranne che avevo dei poteri magici e volevo iscrivermi a una scuola di magia (sono cosciente del fatto che fino a qui è un plagio di Harry Potter), solo che per entrare in questa scuola di magia dovevo superare delle prove tremende, che mi facevano profondamente indignare. Non ricordo nulla delle prove, se si esclude il fatto che a un certo punto c’era una barretta snack di cereali e io mi rivolgevo agli esaminatori dicendo gelidamente VOI STATE SCHERZANDO SPERO.

Due precisazioni:

  • Non mi drogo.
  • Ho anche fatto di meglio (vedi sogno in cui ero uno gnomo – sogno che ho raccontato fino alla nausea dal 2006 a oggi – e sogno in cui ero un bellissimo pappagallo svolazzante).
  • STO AGGIORNANDO IL POST SOLO PER DIRE: COME HO FATTO A DIMENTICARMI DI QUELLA VOLTA IN CUI HO SOGNATO DI FAR PARTE DI UN DUO RAP CHIAMATO KEBAB SKILLS? COME?
Annunci

4 pensieri su “Scusate in anticipo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...