Clotilde

Oggi mi sono svegliata pensando ad Attilio. Starà bene? È sempre lì al suo (meritato) posto o mia mamma ha approfittato di questi mesi di silenzio per farlo sparire definitivamente?

Mentre attendo che i miei interrogativi trovino risposta mi distrarrò parlandovi di Clotilde. CLOTILDE è una ciotola che non uso dai primi mesi del 2013 ma che ha per me un grandissimo valore affettivo. Clotilde si chiama Clotilde da oggi, 5 ottobre 2017, giorno in cui ho pensato “Che nome potrei dare a quella ciotola che amo profondamente da anni ma che non uso mai?” e mi sono risposta “CLOTILDE”.

Clotilde
Clotilde e la sua graziosa (inquietante) cannuccia laterale

Il mio primo incontro con Clotilde

Era autunno. Era il 2012. Marta e io vivevamo a East Acton e l’unica cosa simile a un supermercato raggiungibile a piedi dalla nostra abitazione (riassumo per chi non sapesse/non si ricordasse le caratteristiche base della Stamberga: situata di fronte alla prigione Wormwood Scrubs, dotata di un grazioso giardinetto che non veniva curato da MAI, sporca anche quando la pulivamo, un water per sei persone. In breve: un’esperienza), insomma, l’unica cosa simile a un supermercato eccetera era ICELAND. Iceland si occupa primariamente di surgelati, ma offre alla sua clientela anche altri prodotti adatti a chi vuole condurre una vita all’insegna dell’alimentazione equilibrata – come, ad esempio, caramelle gommose, biscotti al retrogusto di Ritz e cereali per la prima colazione.

Un giorno avevo voglia di Coco Pops e sono andata in missione con Marta da Iceland (specifico: durante i primi mesi le nostre finanze erano praticamente in comune. Andavamo a fare la spesa insieme, cucinavamo insieme, mangiavamo insieme, ci veniva voglia di mangiare la stessa roba in sincronia. Forse anche a lei era venuta voglia di Coco Pops, ma i ricordi sono nebulosi su questo punto).

Procediamo. Arrivate al supermercato abbiamo avuto una fantastica sorpresa: INSIEME AI COCO POPS C’ERA IN OMAGGIO UNA CIOTOLA.

CLOTILDE.

A questo punto sarà opportuno ricordare ai miei lettori che nella Stamberga non c’erano ciotole. Nella Stamberga c’erano due pentole, tre piatti in croce, qualche tazza e una manciata di posate. E poi è arrivata Clotilde.

Anche se Marta e io avevamo tutto in comune, Clotilde è stata mia dall’inizio (anche perché la mia roomie all’epoca non mangiava cereali la mattina. O forse cedermi la ciotola era stato un gesto carino da parte sua. O forse la ciotola le faceva schifo. I ricordi sono nebulosi su questo punto. In ogni caso grazie Marta tvb).

Ho fatto colazione con Clotilde fino a quando siamo state brutalmente sfrattate dalla Stamberga, ci siamo trasferite ad Hammersmith e siamo finite in una casa piena di ciotole (e anche piena di gente. Ma lasciamo questa storia per un’altra giornata autunnale, oggi non ho tempo e magari nemmeno voi).

Con il passare dei mesi ho smesso di usare Clotilde per la prima colazione, ma non ho mai smesso di volerle bene e l’ho sempre difesa dalle brutali minacce esterne. Ad esempio:

  • Quando qualcuno dei coinquilini la USURPAVA senza averne IL DIRITTO io dimostravo la mia furia cieca lavandola accuratamente e nascondendola dietro alle mille altre ciotole che, come ho già avuto modo di menzionare prima, possedevamo.  Ok, in realtà la mia furia cieca non la dimostravo (cosa posso farci se sono carina).
  • Una volta una delle mie ex coinquiline ha arbitrariamente DECISO DI BUTTARLA perché non veniva mai usata. Per fortuna Marta era presente e ha provveduto a salvarla. Ancora una volta, Marta grazie. Tvb.
  • Ho traslocato quattro volte in cinque anni ma Clotilde è ancora con me. In occasione dell’ultimo trasloco TheBlackSwan mi ha chiesto “Ma sei sicura che te la vuoi portare dietro anche questa volta?”, io ho risposto “SÌ”, fine del discorso.

IO TI DIFENDERÒ SEMPRE, CLOTILDE. ANCHE SE NON SEI COMODA PER FARE COLAZIONE E ANCHE SE QUELLA CANNUCCIA LATERALE LA TROVO FRANCAMENTE UN PO’ INUTILE. SEMPRE, CLOTILDE. FOREVER.

CIAO.

Annunci

4 pensieri su “Clotilde

  1. Ma ma ma! Di queste tazze qua della Kelloggs io ne ho una collezione! (Questa mi manca ma vabbè, dettagli)
    Le ho prese con i punti dei cereali nel periodo in cui ero a casa incinta, e mi dicevo “Cosa minchia me ne farò mai con ‘sta cannuccia inutile…”
    E INVECE sono le preferite dei ragazzi, spesso è l’unico modo per fargli bere qualcosa (succo/latte/the/camomilla etc) perchè con la cannuccia si divertono un sacco per cui NON BUTTARLA MAI!!!! ❤

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...