PONZIO PILATES

Voglio subito rassicurarvi: questo Spazio NON parlerà mai in tono compiaciuto di sport e, in generale, di esercizio fisico. MAI. Lo sport e, in generale, l’esercizio fisico sono delle cose sicuramente molto belle molto sane e molto utili ma questo blog non è il posto per loro (sono escluse da questo discorso le seguenti attività sportive: vagare in mezzo alle tombe, vagare in mezzo ai parchi, vagare in riva ai fiumi, vagare in mezzo ai fiori, vagare in mezzo alla città perché ti sei persa, Google maps non funziona e col cazzo che chiedi la strada alle persone che ti camminano accanto).

Come forse ho avuto modo di annunciare qualche volta (sessantacinque volte) alle persone che mi conoscono, SABATO SCORSO HO FATTO LA MIA PRIMA LEZIONE DI PILATES (o, come ho deciso arbitrariamente di chiamare questa attività nel riuscito tentativo di renderla più appetibile, PONZIO PILATES).

Il mondo è grande e ogni volta che mi sembra di avere avuto un’idea geniale poi scopro che ci sono altri diecimila che hanno pensato la stessa cosa prima di me. Ponzio Pilates non fa di certo eccezione a questo assioma: ho infatti appena fatto la conoscenza di una band che si chiama, appunto, Ponzio Pilates e che nel dubbio vi linko.

Comunque: sabato scorso. Ponzio Pilates (per gli amici PP). Prima lezione. Io.

Ho deciso di iniziare PP per due motivi molto validi che c’entrano solo marginalmente con il benessere del mio giovane corpo:

  1. Lo faceva già Marta.
  2. Sentivo il bisogno di percorrere strade nuove per ricevere stimoli nuovi e poi dare nuova linfa vitale alla mia Arte nuova.

Quello che nessuno, nemmeno Marta, mi aveva mai detto del pilates è che si tratta di uno sport ALTAMENTE COMPETITIVO.

Io ero convinta di partire in vantaggio perché, grazie ad Adriene, avevo già sentito dire frasi tipo “Tuck your pelvis” (sentito dire è una cosa, sapere esattamente cosa ciò significhi è un’altra) e invece sono arrivata alla mia prima lezione di PP totalmente impreparata.

Vi faccio un esempio pratico perché so che a questo punto sarete perplessi.

A un certo punto l’insegnante ha detto: “Assumete la posizione Sailcazzo”.  Io non sapevo cosa fosse la posizione Sailcazzo ma mi sono persa la dimostrazione perché troppo impegnata a pensare “Oddio io mica lo so cos’è questa posizione Sailcazzo”.

Ho deciso di copiare quello che stava facendo il signore alla mia destra. Stava praticamente dormendo con la testa poggiata sul tappetino.

Mi sono quindi girata verso la tizia alla mia sinistra e ho imitato le sue movenze, salvo scoprire che stava sbagliando. Come l’ho scoperto? L’insegnante ha ripreso ME e NON LEI e NEMMENO IL SIGNORE CHE DORMIVA.

Penso che sia chiaro a tutti, ora, dove si trova il seme della competitività che darà vita, spero, a una rigogliosa piantina di Successo e Vendetta: IO ALLA PROSSIMA LEZIONE DI PONZIO PILATES DEVO ANDARCI SAPENDO TUTTO.

TUTTO.

evilChicken
T U T T O.

CIAO.

Annunci

4 pensieri su “PONZIO PILATES

  1. che poi, a dirla tutta, ponzio pilato ‘sta-cippa-di-m…
    chi arriva ad essere Istruttore di tali pratiche (in un calderone che include viniyoga, tai chi, pilates, etc etc) è molto più simile ad un nerone o ad un attila che a un p.p…
    (io feci una volta una prova e anziché rilassarmi, al termine, avevo provato lo strano desiderio di invadere la polonia) 😛

    Mi piace

    • Non conoscevo lo viniyoga, cioè nemmeno adesso (ho cercato su Google ma ho paura di cliccare sui link :D). Comunque CONCORDO. Io sono uscita abbastanza tranquilla ma la mia amica mi ha detto che molto probabilmente ho sbagliato gran parte delle mosse (questo perché le avevo detto che non avevo sofferto particolarmente). Oggi, però, mi fa male tutto dalla pancia in giù. POLONIA SEI MIA.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...