Adesso parliamo di Miranda Hart perché l’ho deciso io

Era forse il 2009, o il 2010, quando Corgi mi ha annunciato con lieve gravità (OSSIMORO DI CLASSE alert!) “Salve creatura del crepuscolo, volevo comunicarti che c’è una sitcom inglese che è veramente graziosa, visionala, ché ne trarrai certamente sollazzo” e io le ho risposto “Ah si? Narrami tutto, mio giovane fiore di papaya” (In realtà comunichiamo in un modo molto meno da deficienti – anche se, per amor di sincerità, dovrei sostituire quel “molto” con un “leggermente”: Corgi ed io comunichiamo in un modo leggermente meno da deficienti – ma vabbè, FINZIONE LETTERARIA, dai).

E Corgi narrò: “Guarda si chiama Miranda ed è incentrata sulla vita di questa tizia che si chiama appunto MIRANDA e che è alta goffa e simpaticissima e poi c’è sua mamma che fa morire dal ridere e poi c’è questa sua amica che si chiama Stevie e insieme fanno dei giochi assurdi tipo WHERE IS MIRANDA? con Miranda che si veste da Waldo e si nasconde in giro e Stevie deve trovarla e insomma detto così sembra stupido ma tu GUARDALA CHE POI CAPISCI” (la punteggiatura è praticamente assente perché il fiore di papaya ha declamato questo panegirico mirandesco senza respirare una sola volta).

Io ho agito come faccio di solito quando Corgi mi consiglia serie tv/libri/film:

  1. Me ne dimentico
  2. La raccomandazione mi salta in mente all’improvviso dopo MESI
  3. Decido di provare a visionare il materiale
  4. Mi innamoro instantaneamente della serie tv (o libro, o film) in questione
  5. Mi maledico per non avere ascoltato prima il consiglio
  6. Chiamo Corgi per dirglielo, lei mi perdona e mi consiglia un’altra serie tv (o libro, o film), serie tv (o libro, o film) che prometto solennemente di esaminare il prima possibile, solo che poi
  7. Me ne dimentico
  8. Eccetera.

È andata così con My Mad Fat Diary, con Sherlock, con la serie radiofonica Cabin Pressure* e con Buffy (in questo caso pregasi sostituire “mesi” con “ANNI”); probabilmente andrà così con The Mindy Project ed Elementary (Corgi me li ha consigliati lo scorso novembre, ma è ancora presto per me per iniziare a guardarli); non è andata così con Misfits (perché MISFITS L’HO SCOPERTO IO e me ne vanto a cadenza bimestrale) (Ah: Corgi, volevo dirti che TBS ed io ultimamente stiamo apprezzando molto The Wrong ManS – è scritto proprio così, non è colpa mia).

È, ovviamente, andata così e, in a way, ancora peggio di così, con la sitcom di Miranda Hart.

tumblr_mbl8twVzNj1r6b7xzo1_500

Non starò qua a spiegarvi la trama della sitcom o a cercare di convincervi a diventare ipermegasuperfan di Miranda, o a raccontarvi le altre diecimila cose che la Hart ha fatto/sta facendo, tra cui spettacoli teatrali/altre serie tv/libri/DVD DI ALLENAMENTO CON LE MARACAS?! E poi sì, c’è gente a cui lo show non piace, ci sono persone a cui Miranda Hart non fa ridere o addirittura sta antipatica (e io rispetto il loro pensiero, perché se sono IMBECILLI non è colpa loro), blablabla. Per come la vedo io: punto uno non si può piacere a tutti, punto due CHISSENEFREGA, punto tre “Tu guardala che POI CAPISCI”.

Io a Miranda Hart voglio bene come se fosse una mia amica.

Io a Miranda Hart volevo bene quando la sua serie tv riuscivo a trovarla solo su YouTube, senza sottotitoli, e la guardavo senza capire quasi UNA MAZZA, ma ho perseverato, e adesso posso affermare con orgoglio che il mio livello odierno di conoscenza della lingua inglese deve di più a lei che all’effettiva interazione con persone britanniche. Ok, forse non dovrei affermarlo CON ORGOGLIO.

Io a Miranda Hart voglio bene anche adesso che è famosa e fa gli show all’O2 arena riempiendola tutta (TBS ED IO, detta così, incidentalmente, lo scorso aprile C’ERAVAMO, e a voi ora potrà anche non fregare nulla, ma quando diventerete ipermegasuperfan come me mi invidierete).

Io a Miranda Hart voglio bene, e non solo a lei, ma anche a tutti i personaggi del suo telefilm. Telefilm che è finito qualche giorno fa. Ammettiamolo, gettiamo senza indugi la dignità alle ortiche (ah, ma aspetta: L’AVEVO GIÀ FATTO! PIÙ VOLTE! Bene dai): MIRANDA, LA TUA SITCOM CI MANCHERÀ E ANCHE TANTISSIMO, quindi adesso mi metto a pubblicare gif fino a quando la cosa non assumerà contorni ridicoli.

Ah, li aveva già assunti a “Creatura del crepuscolo” e a “fiore di papaya”? RUDE.

miranda1miranda2miranda3 miranda4

doughnuts1doughnuts2 doughnuts3doughnuts4doughnuts5 doughnuts6

 

mirandafinale1 mirandafinal2

Li ho presi da questi simpatici blog su Tumblr. Ve li linko perché mi è venuto un dubbio amletico su come ci si debba comportare con le gif. Si prendono e basta, tanto le rubano tutti ed è un mondo crudele? O si danno i credits? AIUTO. Comunque se andate qua ce ne sono un casino, no, così, giusto per dirvelo.

*A proposito di Cabin Pressure: nel (credo) ottobre 2012 Corgi è riuscita ad inserire Marta and me nell’esclusiva Lista di Gente che poteva partecipare in qualità di pubblico a un’anteprima molto intima di una puntata della serie, anteprima che si è svolta in non mi ricordo più che pub in zona Kilburn High Road, anteprima che prevedeva la presenza di alcuni attori che recitano nella serie + vari ospiti.

Voi non lo saprete (o forse sì, che ne so) ma l’attore che recita la parte di MARTIN è Benedict Cumberbatch. O, per gli amici, Benedict Cucumber Patch.

tumblr_inline_mjxmqu9xP61qz4rgp
IO AMO L’INTERNET

MA NIENTE ANSIA RETROATTIVA: Il nostro amico Benedict non era presente alla serata perché era all’inaugurazione di non so che ristorante posh, o ad una mostra dedicata all’arte di piegare i tovaglioli durante il tardo periodo Tudor. O qualcosa del genere.

Ripensandoci, potete tenervi un po’ di Ansia Retroattiva, visto che il creatore della serie, John Finnemore, oltre ad essere 1) Adorabile e, incidentalmente, molto bravo; 2) Presente alla serata (e direi) 3) È QUELLO CHE RECITA LA PARTE DI CHRIS NELLO SHOW DI MIRANDA!!!!1!!!!!

tumblr_ltkrtjTpci1r1c4lg

E tra l’altro, Corgi, ho appena scoperto che il tizio che recita la parte di Hercules in Cabin Pressure è GILES DI BUFFY, quindi ora O tu mi scrivi che GILES DI BUFFY (per gli amici Anthony Steward Head) non era presente quella sera di (credo) ottobre 2012 O vado ad incatenarmi davanti a Westfield in segno di protesta.