More difficult

Ciao, va tutto bene?

Pure qua (questo nel caso abbiate risposto “Tutto bene UN PAIO DI PALLE”).

Vi ho già accennato del fatto che il Circolo dell’Intelligencja si sta occupando di montarci il boiler, right? E mi sembra anche di avervi detto che ci stanno mettendo un secolo e mezzo.

Quello che non sapete è che sabato ci hanno staccato il riscaldamento, così, a brutto muso. Senza nemmeno lasciarci una nota di scuse, una spiegazione, un Mon Chéri. Niente.

E giusto perché non c’è uno senza due e l’asino fa le corna al bue (ma forse non si dice esattamente così), ieri l’acqua calda è andata via di nuovo. MA TANTO CHISSENEFREGA È SOLO FEBBRAIO, C’EST-À-DIRE IL MESE PIÙ CALDO DELL’ANNO (Lo state notando il mio francese? Grazie. Croissant).

Ma non preoccupatevi, il Gran Visir dell’Intelligencja mi ha appena giurato che domani finiscono i lavori.

Poi vabbe’, tra il dire e il fare c’è di mezzo il SE DOMANI AL MIO RITORNO NON TROVO IN CASA UNA GARBATA TEMPERATURA TROPICALE, MIO CARO GRAN VISIR DI ‘STA CEPPA,

I-Will-Find-You-And-I-Will-Kill-You-Liam-Neeson-In-Taken

Bene.

Il problema del diventare persone adulte, persone con delle (sto per dire una brutta parola, scusatemi) responsabilità, è che bisogna sprecare un sacco di energie per ARRABBIARSI con la Gente. La tizia dell’agenzia non ti considera dopo che le chiedi quando si deciderà a risolvere il problema dell’acqua calda? Ti devi arrabbiare, altrimenti non farà nulla. Gli idraulici ci mettono sessantadue anni a montare un boiler e riescono comunque a fare un lavoro orribile? Ti devi arrabbiare, altrimenti non faranno nulla.

Ma io dico, non possiamo risolvere il tutto davanti a una bella fetta di torta e discuterne civilmente da persone adulte quali siamo?

Evidentemente no, e semmai dovessi trovarmi nella posizione di preparare una torta per questa gente mi ispirerò a Minny di The Help.

tumblr_ly4t2oqQwf1r9sglto1_500

Bene.

Mamma, io non volevo dirti che siamo vivendo in queste condizioni barbare, ma poi ho pensato che:

  1. Silvio Pellico mica si preoccupava di sua mamma quando scriveva Le mie prigioni (o almeno credo);
  2. Le situazioni di indigenza dalle quali nasce l’Arte non vanno edulcorate;
  3. Posso indossare tutte le sciarpe che ho confezionato negli ultimi due anni. Tutte insieme;
  4. La vita è bella;
  5. Il tuo cuore è libero, abbi il coraggio di seguirlo.

SIAMO CARICHI?

Siamo pronti ad affrontare la Vita e a percuotere ripetutamente l’Intelligencja Idraulica con l’ausilio di mattarelli / ferri da calza / perché no, boiler?

HELL YEAH!

E anche

Ma pure

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...