Sogni che si avverano. No, scusate, volevo dire INCUBI.

Il 17 dicembre Marta compie gli anni.

Auguri, Marta.

Dicevo.

Il 17 dicembre scorso, in occasione del compleanno di Marta, ci siamo recati in branco a festeggiare in un ristorante/bar/non si capisce bene cosa ma comunque abbastanza di gran classe dove fanno una pizza buonissima. Ma si, cari lettori, pubblicizziamo: si tratta del B-Soho. Ah, ecco, il loro sito descrive meglio di me l’Anima del locale: Cocktail bar & Pizzeria restaurant. Beh dai, si capiva anche con la mia descrizione.

Dicevo.

Anzi, scusatemi. ma fuori e dentro me si sta imponendo prepotentemente la necessità di aprire una graziosa parentesi per comunicarVi che:

  1. Avevo scritto “pubbliciZiamo” con una z.
  2. Se andate a Londra per una vacanza di tre giorni e andate a mangiare la pizza VI PRENDO A SBERLE. La pizza buona la mangiate A CASA VOSTRA. Idem per gli spaghetti al ragù, per la carbonara, per le crespelle ai funghi, per le lasagne, per il risotto alla milanese. Bene. Sono le 17.24 e ho fame. E una dispensa dove rotolano le balle di fieno, ma quella è un’altra storia (Non preoccupatevi, ce le ho le cibarie, è che non sono appetitose come quelle che ho appena elencato e allora mi scende La Tristezza. Poi Capetta 1 è partita per l’Egitto e mi ha affidato delle robe che sembrano delle carote bianche e non so come cucinarle e, a dirla tutta, non c’ho voglia di pelarle).

Dicevo.

Siamo andati in quel Cocktail bar & Pizzeria restaurant che ci piace assai.

Era un lunedì.

Il lunedì, ogni lunedì, al B-Soho c’è la Serata Karaoke.

Lo abbiamo appreso troppo tardi, ossia quando avevamo già varcato la soglia del locale.

Le nostre reazioni sono state abbastanza disomogenee:

Marta, Lara e Martina: “OMGGGGG SÌÌÌÌÌÌ CHE BELLOOOOOO DAI RAGAZZI ISCRIVIAMOCI E SPACCHIAMO TUTTOOOO!!!1!11!!1!”

Trop e Gabriello: “Ma che scherziamo?”

Ise: “NO.

Me:

oh god why

Corgi non era presente, ma sono sicura che la sua reazione sarebbe stata questa:

100912-grumpy-cats-gallery-274-200x155

Comunque: non abbiamo cantato.

Ma solamente perché quando abbiamo finito di cenare e ci siamo recati al Piano di Sopra pronti a dare Spettacolo il karaoke, beh, stava finendo e non ci si poteva più iscrivere. Oh, no.

Sì, la movida londinese generalmente termina piuttosto presto.

Il che è un bene, perché DORMIRE Ê IMPORTANTE.

Insomma.

Non abbiamo cantato.

Il Dispiacere e il Senso di Perdita si sono impossessati di Marta, Martina e Lara. Almeno fino a ieri sera. Perché ieri sera LE SCELLERATE sono riuscite a trascinare Me e una riluttante Corgi nell’Antro della Dignità Mancante.

Bene, altra premessa necessaria:

Ieri sera non ero del mio consueto umore stellare. Non so se l’avete notato, ma il mio silenzio su qualsiasi Questione Lavorativa è abbastanza eloquente e cela una Situazione di Stallo della quale ora non posso rendervi partecipi. Vi basti sapere che la Situazione sopra accennata a volte mi getta in Stati di Angoscia. Ma IO sono IO, non una pusillanime come il Giovane Werther, ergo IO, il più delle volte, spacco.

A parte ieri sera.

Ieri sera ero più una palla al piede, o, come a volte amano definirmi QUELLE STRONZE di Marta e Corgi, una Pigna nel Culo.

Sia ben chiaro che nessuno può chiamarmi Pigna nel Culo. MAI.

A dirla tutta, nessuno può insultarmi. MAI.

Dicevo.

Ieri non era serata.

A ciò si aggiunga che siamo capitate nell’unico lunedì dei Fenomeni da Karaoke.

Beh, non è che provenissero tutti da Britain’s got Talent (SOLAMENTE UNA – non sto scherzando: la sera che noi decidiamo di Debuttare al Karaoke immediatamente dopo di noi canta una tizia che ha partecipato al suddetto programma. L’ironia della vita. Il desiderio di sprofondare), molti ogni tanto steccavano, qualcuno non andava tanto d’accordo con la pronuncia dell’inglese, eccetera.

Ma rimane il fatto che gli altri performers erano tutti notevolmente DIGNITOSI.

Molto sopra la media karaokesca, ecco.

A questo punto vorrei ringraziare DI CUORE, ma veramente TANTERRIMO la coppia di Giovani che si è dilettata in Iris dei Goo Goo Dolls senza imbroccare neanche una nota. Grazie fratelli, vi voglio bene.

Dunque, riassumendo:

Pigna nel Culo mode: ON + altri cantanti fenomeni = NON CE L’HO FATTA A CANTARE.

Cioè, sì, ho cantato, ma solamente quando la Serata ha iniziato a declinare, il 70% dei partecipanti se n’è andato e siamo rimaste solamente noi, le Pazze Ragazze Probabilmente dell’Est, quella di Britain’s got Talent e un altro fenomeno.

A mia discolpa posso dire che anche Corgi ha agito nel medesimo (saggio) modo e che Lara ha joinato THE SHAME TEAM alla terza esibizione, non subito.

Perché per unirsi a Marta&Martina ci voleva proprio una notevole quantità di guts. O di faccia come il culo, come preferite.

Le due hanno esordito con un grande classico dell’Acchiappo, ossia Wonderwall degli Oasis, riuscendo a mantenere la dignità pressoché intatta perché:

  • Martina MINCHIA SE CANTA BENE. Marti, io te lo dico, nel campo del karaoke sei per Noi ciò che Corgi è durante le Quiz Nights. Non che torneremo mai al karaoke. Non in questa vita. Ma comunque sei brava. Bene.
  • Il microfono di Marta non funzionava.

Everything went better than expected, dunque.

Ma poi è arrivata La Seconda Esibizione.

Nella quale le Nostre hanno cantato WHAT MAKES YOU BEAUTIFUL degli ONE DIRECTION.

Non potete capire.

Cioè, sì, se conoscete il Gruppo in questione sì.

Per voi Non Edotti (già mi immagino mia mamma che si gira verso mio fratello e gli chiede “E adesso chi sono ‘sti qui?”), gli One Direction sono un gruppo di ragazzetti che piace alle ragazzine di oggi. Un po’ come i Backstreet Boys per noi. Anche se, NON SCHERZIAMO, i Gloriosi BsB erano MOLTO MEGLIO di questi sbarbati.

Va detto, tuttavia, che la canzoncina precedentemente citata è orecchiabile. Gradevole, ecco.

Ok, ogni tanto la ascoltiamo.

E con “ogni tanto” intendo “spesso”.

E con “ascoltiamo” intendo “cantiamo a squarciagola”.

MA NELLA PRIVACY DELLA NOSTRA SCATOLA!

Anche se, ultimamente, Marta e Martina hanno sviluppato la preoccupante tendenza a gorgheggiare “AND THAT’S WHAT MAKES YOU BEAUTIFUUUULLLL OOOHOHOH NANANANA” in mezzo a Fulham Palace Road.

Per loro due, quindi, esibirsi in questo Pezzo davanti a una Platea Stupefatta è stata una naturale evoluzione.

Ah, mi ero dimenticata di sottolinearlo: quasi tutti gli altri performers cantavano brani della Streisand, di Michael Jackson, cose così, insomma.

Comunque l’hanno cantato.

E sono ancora vive.

Quindi ok.

La Terza Esibizione, Everything I Do del grande Bryan Adams, è stata qualitativamente più Avanzata, anche perché il Duo è diventato un Trio grazie al gradevole apporto di Lara.

La Quarta Esibizione è avvenuta nelle circostanze che vi anticipavo sopra: locale semivuoto e dignità ormai gettata alle ortiche. Torn di Natalie Imbruglia.

Vabbè dai, potevamo scegliere di peggio.

Potevamo scegliere CALL ME MAYBE.

Cosa che, alla fine, abbiamo fatto. Per la nostra Quinta Esibizione.

Vabbè dai, non c’era quasi nessuno (a parte quella di Britain’s Got Talent, la Fenomena che ha cantato That’s not my name e altre venti persone).

Vabbè dai, siamo Giovani.

E devo anche ammettere che in fondo, ma in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo, è stato divertente.

Però NO MARTA. NON CI TORNEREMO. MAI PIÙ. MAI, MAI PIÙ.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...