Momenti di mezza amarezza

Chi si merita maggiormente una bella carta raffigurante The Hoot Owl of Death tra:

  • Marta, che ha candidamente affermato di preferire la versione cinematografica di The hunger games rispetto al libro in quanto “viene smorzata la cazzutaggine di Katniss e il rapporto tra lei e Peeta risulta in questo modo più equilibrato” (come ha ben sintetizzato Corgi: posizione assolutamente INDIFENDIBILE)
  • Il Mela ed Andrew che hanno detto senza troppe mezze misure che secondo loro il suddetto film fa schifo
  • Trop che si è messo a giocare con il sintetizzatore durante la proiezione del già troppe volte menzionato film?

Dunque.

Siamo ufficialmente in regola per lavorare nella terra di Albione; la nostra domanda per il National Insurance number è stata inviata in quel di Glasgow ed entro due settimane dovremmo ricevere a casa la simpatica tesserina. Va bene. Adesso, come dire, manca solo un lavoro (nel caso non fosse chiaro: SOMEONE, PLEASE, HIRE ME).

Sono giornate impegnative e debilitanti, queste. Dopo un paio di pasti particolarmente azzardati (vedi anelli di cipolla & co.) oggi ho deciso di disintossicarmi e di trattare il mio corpo come un tempio. Più o meno. Il problema è che ho a che fare con soggetti come Marta, che ha trangugiato stoicamente un sanissimo centrifugato alla carota e zenzero per poi dire: “Ok, ora ho bisogno di mangiare del fish and chips per depurarmi”.

E ho comprato la marmellata. Che non mangio ma mi dà tanto l’idea di casa (come il miele, lo stock di confezioni di pasta e l’assortimento di spezie). Eggià, la nostalgia della mamma (e delle sue lasagne vegetariane) inizia a farsi sentire prepotentemente. Ma mantengo alto il morale. Talvolta. Perché è difficile rimanere UP se si decide di andare a vedere il binario 9 e 3/4 a King’s Cross e ci si trova davanti una Cosa Veramente Triste. Sto parlando di un misero cartello affisso a lato dell’atrio della stazione (non tra il binario 9 e il binario 10) e di un commovente nella sua inutilità mezzo carrello della spesa che spunta dal muro. Amarezza.

E in tutto questo io non sono minimamente aggiornata sui colori di tendenza per gli smalti in questo autunno-inverno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...