Prison break

Dunque.

Ci siamo trasferite.

Io e Marta abbiamo trovato una doppia ad East Acton; Corgi una singola a Manor House (ma dal primo ottobre, quindi domani torna a casa per un paio di settimane).

La casa, come dire, è una casa. Qualche parete, dei pavimenti, delle scale. Un giardinetto grande come un francobollo con dentro: una costruzione di legno semidiroccata dalla dubbia utilità, una cyclette senza pedali (?), un palloncino mezzo sgonfio and so on. Dal giardinetto si vede in lontananza un elegante edificio di stile edwardiano che no, non è una sala per concerti e no, non è un castello, bensì una sciccosissima prigione. E va beh.

Mettiamola così: vivere qui dentro mi renderà sicuramente una persona creativamente più ricettiva di quanto non sia adesso.

E poi la zona, diciamolo onestamente, è una figata. Quindi ok, forse possiamo sopravvivere. Questo se riesco a trovare un modo non troppo impegnativo per prendere in blocco tutti i mobili di camera nostra e bruciarli in un rogo purificatore cantilenando nenie per allontanare gli spiriti maligni. E fare qualcosa per la moquette. Tipo scioglierla nell’acido.

Gli inquilini precedenti a noi erano abbastanza delle bestie. A titolo esemplificativo, dietro il mio letto ho trovato i seguenti tesori:

– 5 forcine per capelli

– 3 carte di Kinder Shoko-bons

– un numero imprecisato di fazzoletti usati (YUCK)

– una collanina carinissima di Accessorize (quindi non tutto il male viene per nuocere).

Non so come pulire selvaggiamente col Lisoform mobili che non vedono una spugna dal ’54 possa rendermi una persona migliore, ma sono fiduciosa.

In tutto questo ci sono i coinquilini che sono persone a posto. Però italiani! Proprio quello che ci voleva per migliorare il mio inglese.

Ma tutto questo non importa perché in giro ci sono un sacco di persone interessanti con le quali conversare. Come, ad esempio, la tizia che abbiamo incrociato questo pomeriggio al fish and chips: una vera anima gentile e gaia che si specchiava nella card del supermercato e rideva di gusto parlando da sola.

Annunci

Un pensiero su “Prison break

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...